Congo. Grazie al progetto di Harambee, i bambini di Yangala hanno ora un futuro di speranza

È terminato l’intervento in supporto dell’Associazione Cacles, collegata alla Diocesi di Luiza, nell’area di Yangala (RD Congo), caratterizzata prevalentemente da grandi fiumi e lontano dalla città. In questa zona particolarmente depressa, sorge l’istituto scolastico Kuiza Kuajima,unico centro di riferimento per i bambini dei villaggi circostanti.

La maggior parte dei minori sono orfani, vittime degli scontri provocati dalle milizie di Kamuena Nsapu che hanno avuto luogo tra il 2016 e il 2019 nel corso dei quali, nell’area, morirono più di 430 giovani; in quella occasione, le milizie saccheggiarono le parrocchie e distrussero la Scuola e tutto il materiale scolastico.

La scuola è stata ricostruita secondo criteri di stabilità e sostenibilità. Le fondamenta sono in pietra e cemento. Le pareti in cemento armato, che sostengono il tetto laminato, sono costruite in modo solido per resistere al vento e alle intemperie”, racconta Don Marcel MUNONO KABEMBA, responsabile del progetto.

Le lezioni sono iniziate a settembre, l’entusiasmo è stato tale che studenti e insegnanti hanno voluto da subito usufruire della struttura, anche se non era ancora terminata”.

Sono 300 i bambini che frequentano regolarmente “La popolazione ha collaborato con grande entusiasmo, dopo aver capito che la Scuola era per un BENE PIÙ GRANDE per i loro figli e quindi si è impegnata nel trasporto di acqua, sabbia e, in generale, nel trasporto di materiali. Molti hanno anche contribuito ai pasti dei lavoratori…. Si potrebbe dire che questa è davvero la scuola del villaggio”.

Inoltre, “Grazie alla ristrutturazione, Kuiza Kuajima è diventata un centro di attrazione, un riferimento e un oggetto di ammirazione e fotografia da parte dei figli e delle figlie di Yangala e dei viaggiatori che passano da Yangala”.

In certe zone dell’Africa l’istruzione, per molteplici cause, è ancora un diritto negato ai bambini, compromettendo la loro opportunità di costruirsi un futuro.
57 milioni di bambini, nei paesi in via di sviluppo, ne sono ancora esclusi; di questi, più della metà vive in Africa subsahariana (Fonte: NU). E’ una sfida enorme, ma che si può vincere. E da oggi, a Yangala, 300 bambini all’anno avranno di certo un futuro migliore davanti.

Aiutaci, dona ora
#nonlasciamonessunoindietro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: