“Karika”: dare potere ai nonni in una megalopoli africana

Marie Mulli

Da bambina, entrambe le mie nonne ci venivano spesso a trovare, spesso rimanendo con noi per mesi. Ad ogni visita, i miei genitori erano felici di pagare dei medici specialisti perché li visitassero – non importa quanto minuziosamente si lamentassero – e coccolarli servendo loro i loro cibi preferiti. Hanno anche creato loro una stanza dando loro un letto in una delle nostre stanze e, nel caso di mio nonno, occupandosi di lui per mesi fino alla sua morte.
Le mie nonne di solito vivevano in campagna, soggiornando con mia zia, mio zio e numerosi nipoti che hanno tenuto loro compagnia negli anni del declino. A questo proposito, i miei genitori non erano diversi da molte persone in Kenya che credevano che fosse loro responsabilità prendersi cura dei loro genitori anziani.
Tradizionalmente, ogni comunità in Kenya ha insegnato ai bambini che questo è il loro dovere. Quando la gente ha iniziato a trasferirsi dall’altopiano per lavorare in città, si è capito che, una volta ricevuto il primo stipendio, doveva dividerlo con i genitori. Si è cominciato con piccoli oggetti come vestiti nuovi, coperte e orologi, ma con l’avanzare della vecchiaia le responsabilità si sono ampliate. Man mano che i genitori crescevano e avevano bisogno di un assistente sociale, i figli continuavano a portarli a casa loro o i parenti stretti andavano a vivere con loro. Era impensabile mettere i genitori in una casa. Impensabile.
E sicuramente non si sarebbe mai maltrattato o picchiato i genitori anziani, se non altro per paura di una punizione divina.
Ad oggi, la maggior parte dei keniani rispetta e aderisce ancora a questa usanza, ma alcuni non la rispettano. Negli ultimi due anni ci sono state molte storie nei media di bambini che hanno abusato dei loro genitori anziani. Si tratta di storie che parlano di mettere da parte l’affetto, di mancanza di interesse per il benessere dei genitori e perdita di rispetto; estorsione della pensione e furto di proprietà, persino abusi sessuali. In alcuni casi estremi sono stati denunciati omicidi e migliaia di persone nel corso degli anni sono state uccise con il pretesto di essere streghe, in modo che i bambini potessero appropriarsi della loro terra. Il dipartimento governativo incaricato di esaminare le questioni che riguardano gli anziani è lento ad agire.
In questa situazione di crisi, Elijah Mwega è intervenuto. Non sta cercando di sistemare il sistema – non può – sta solo cercando di aiutare gli anziani del suo quartiere. Le esperienze dell’infanzia lo metterebbero alla fine sulla via dell’aiuto a molti anziani.
Elia aveva 13 anni e non vedeva l’ora di andare al liceo quando suo padre morì improvvisamente e i suoi zii si impadronirono della proprietà che avrebbe potuto essere venduta per mandarlo a scuola. Il comportamento degli zii fece ammalare sua madre e anche lei morì. La sua speranza di ricevere un’istruzione è crollata. Fortunatamente la comunità intervenne, contribuì con dei soldi e lo mandò a scuola. Elia era così commosso che un giorno giurò di cambiare radicalmente la vita di qualcuno.
Circa 32 anni dopo, notò nel suo quartiere un gruppo di anziani il cui senso di impotenza corrispondeva al suo quando morirono i suoi genitori. Così ha dato vita alla Karika, l’unica organizzazione comunitaria di Nairobi che si dedica ad aiutare gli anziani.
Il modesto centro comunitario di Karika si trova alla periferia dell’affollata capitale Kawangware. In altre parti della città, quando la gente va in pensione, di solito va in campagna. A Kawangware non è così. I residenti continuano a vivere lì anche dopo il pensionamento. Il senso di empatia di Elia gli ha fatto notare non solo la situazione di questo gruppo, ma ha anche avviato programmi per aiutarli.
Qualsiasi pensionato può aderire, non c’è nessuna tassa d’ingresso o limite d’età. Quando ha iniziato a lavorare con loro, la prima cosa che ha notato è stato l’abuso. La maggior parte dei casi di abuso sono provocati dal desiderio di avere un terreno. I ragazzini, desiderosi di ereditare la terra, abusano dei genitori per farli morire. Elia ha visto giovani così disperatamente alla disperata ricerca di soldi da arrivare al punto di far morire di fame i loro genitori.
I media locali riferiscono che la ragione per cui gli anziani, in tutto il Paese, non portano i casi di abuso in tribunale è perché non sanno come presentare una denuncia e i ragazzini, essendo più giovani, sanno come manipolare il sistema giudiziario corrotto. Per questo motivo, Elia ha deciso di aiutare gli anziani a portare i casi in tribunale. Senza il suo aiuto gli anziani non avrebbero alcuna possibilità di vincere.
Mentre Elia interagiva più frequentemente con gli anziani, si accorse che alcuni di loro apparivano malnutriti. Scoprì che non avevano abbastanza da mangiare a casa, che mangiavano meno, così i loro nipoti potevano avere un po’ di più. Ha iniziato un programma di alimentazione in cui i membri ricevono un pasto gratuito ogni giorno.
Karika è un acronimo di Kenyan Aged people Require Information, Knowledge & Advancement. Sebbene fornisca altre attività, le più popolari attualmente sono quelle di portare i casi di abuso in tribunale, il programma di alimentazione e quelle che promuovono l’interazione sociale.
Elia ha notato che la maggior parte degli anziani viene in Karika per stare con gli amici. Questi anziani si sentivano soli perché erano lasciati soli dai loro figli per la maggior parte della giornata. Altri vivevano da soli, passando giorni o settimane senza parlare con nessuno.
Per aiutarli a legare, Elia ha creato una serie di attività. Una delle prime idee è stata la “giostra”, che è una sorta di microfinanza. Sono divisi in gruppi e ogni settimana contribuiscono con denaro per un membro per aiutarli ad avviare o far crescere la loro attività. La giostra ruota in modo che ogni membro abbia la possibilità di ricevere il denaro. A coloro che non hanno soldi da contribuire viene insegnato a fare il sapone fatto in casa che possono vendere agli amici.
Dice Elia: “Troverete alcuni dei nostri anziani che gestiscono piccole imprese. Alcuni vendono latte di capra, altri allevano polli e conigli, mentre altri hanno piccoli negozi che vendono arachidi e verdure. Le giostre servono più di ogni altra cosa ad aiutarli ad acquisire un senso di appartenenza”.
Poi ha iniziato una sessione di gruppo di supporto, dove i membri si incontrano ogni giorno per condividere le sfide del diventare vecchi: “È un’occasione per parlare e ascoltarsi l’un l’altro. Per condividere i problemi e le lezioni di vita. Il cameratismo dà loro una nuova prospettiva di vita”.
Elia ha anche avviato un coro di anziani che si riunisce una volta alla settimana e recentemente ha organizzato un’esibizione all’ambasciata brasiliana. È sempre impegnato a trovare modi creativi per tenere occupati gli anziani e farli sentire parte di un gruppo. Recentemente li ha portati in vacanza nella città costiera di Mombasa, ha introdotto delle sessioni di aerobica leggera e sta raccogliendo fondi affinché il coro possa registrare il loro primo album.
Anche se Elijah propone molti dei programmi offerti in Karika, non lo fa da solo. Collabora, principalmente, con HelpAge International, Global Alliance for the Rights of Older People, World Vision e Kenya AIDS NGOs Consortium. Anche enti governativi come il Ministero del Lavoro e della Protezione Sociale e la Commissione nazionale per l’uguaglianza di genere.
I suoi sforzi non possono risolvere la crisi degli abusi e dell’abbandono degli anziani nel Paese, ma hanno cambiato la vita di alcuni anziani di Kawangware. “È il mio dovere”, dice Elia, “è questo che mi spinge, il dovere”.

Marie Mulli è una giornalista freelance e documentarista che vive a Nairobi, in Kenya

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: